Lights will guide you Home

…. Proprio così dice una canzone che amo molto, “le luci ti condurranno a Casa”.

A me è sempre sembrata una frase bellissima e oggi, mentre trascorreva la giornata in compagnia dei miei matti ma straordinari amici, mi sono proprio sentita così, come se la “Luce” del loro affetto mi riportasse a Casa.

E allora, visivamente, mi è tornata in mente questa foto scattata qualche tempo fa e mi sono resa conto di come rispecchiasse perfettamente questa metafora, ogni stellina è uno di loro e tutte le persone meravigliose che ho la fortuna di avere accanto, hanno il potere di “accendermi” e illuminarmi, rendendo sempre più piccole e insignificanti quelle zone d’ombra che a volte sembrano prendere il sopravvento.

È Natale da fine ottobre. Le lucette si accendono sempre prima, mentre le persone sono sempre più intermittenti. Io vorrei un dicembre a luci spente e con le persone accese.
Charles Bukowski

GRAZIE per Essere le Mie Persone Accese!

Di Resilienza & Babbi Natale

Ieri, mentre ero in giro cercando di cambiare il mio destino (sì, ok, è un po’ troppo epica come affermazione😜) ho visto questo Babbo Natale e mi ha colpito. E voi penserete: ma se è uno di quei tristissimo e ormai superati Babbi Natale che la gente si ostina ancora a mettere sui balconi! È vero, è vero… Però mi ha colpita perché mi sono resa conto che era una buona “rappresentazione grafica” di come mi sento in questo momento: arrancante e instabile ma aggrappata con le unghie e con i denti a quello in cui credo.

Sapete quando tutti da bambini vi chiedevano: “cosa vuoi fare da grande?”… Ecco! Il problema è che poi quando ci si arriva ad essere grandi spesso le idee in testa sembrano più confuse che mai, ingarbugliata in quel mix di aspirazioni, responsabilità, senso del dovere etc. che ti vorticano nel cervello rendendo tutto un gran casino!

Spesso, in queste ultime settimane, ho detto di sentirmi nelle sabbie mobili, con la voglia pazza di trovare la mia strada nella vita, di non adattarmi più a tirare alla giornata facendo lavori che non mi stimolano e lo smarrimento di non sapere davvero da che parte incominciare.

Fa paura sentirsi così, non si può negare… Ma poi ho visto questo Babbo Natale e mi ha fatto capire che devo essere come lui, metterci tutte le forze e non mollare la presa!

 

Non hai bisogno di vedere l’intera scalinata. Inizia semplicemente a salire il primo gradino.”

(Martin Luther King)

Scarabocchi

“Hai solo bisogno di qualcuno che sappia leggerti dentro nonostante tu sia fatta di scarabocchi.”
Giulia Zeribelli



Ci sono periodi, poi, in cui gli scarabocchi sono così fitti e ingarbugliati che fai fatica persino tu a leggerti dentro…

Periodi in cui la confusione regna sovrana e ti sembra di fare sforzi immani per rimanere a galla, per non perdere il sorriso, per trovare comunque e a qualunque costo la forza e il piglio per essere quella di sempre.

Ci sono volte in cui ti senti in balia degli eventi, così in balia delle situazioni che ti trovi a subire e dalle quali non sai come uscire, come in un mare in piena burrasca in cui tu ti senti su una piccola scialuppa di salvataggio che arranca…

A proposito di arrancare poi però mi viene in mente Max Pezzali, una delle sue canzoni che ho sempre sentito un po’ mia..allora ecco che già sorrido e la scialuppa diventa una barca un po’ più solida, anzi diventa un “vecchissimo Peugeot”!

https://youtu.be/4g6fKDTNBoA

Ticket to Ride


Vi capitano mai quelle fasi dove sentite la necessità di rivoluzionare svariati ambiti della vostra vita? 

A me sì, spesso, sarà il segno zodiacale o sarà non so bene cosa altro ma il mio cervello è in continua elaborazione di input su cose che vorrei fare, posti che vorrei vedere, nuovi ambiti che mi piacerebbe approfondire…😱

Peccato poi che, in questo calderone di mille svariate possibilità e strade da intraprendere, io finisca per sentirmi spesso con i piedi impantanati nelle “sabbie mobili” e con la confusione di chi forse non ha ancora capito bene del tutto “chi vuole essere da grande”…

Così oggi, rivedendo questa foto scattata qualche giorno fa, mi è venuta questa riflessione e ho pensato che quello che ho proprio voglia di fare è un bel viaggio dentro me stessa, un viaggio che mi permetta di conoscermi meglio e di capire veramente quali sono le mie passioni, il mio infinito da voler raggiungere oltre la siepe!

E allora… buon viaggio a me!!😊

Il viaggio più lungo è il viaggio interiore.(Dag Hammarskjöld)

I Supereroi non invecchiano mai !

Oggi è un giorno molto Speciale per me, oggi è il compleanno di uno dei Miei Sorrisi… e mica un Sorriso qualunque… e mica un compleanno qualunque! 

Oggi la Mia Roccia, il Mio Punto Fermo in una vita piena di scosse di terremoto e tsunami, compie 50anni!!

E allora potrei pensare per ore a parole abbastanza belle da dirti o da dedicarti ma in realtà nessuna potrebbe mai rendere nemmeno lontanamente l’idea di quello che sei per me!

Non so quante persone riescano davvero a cogliere l’ essenza di quello che sei, molte forse si fermano in superficie,davanti alla tua maschera di uomo un po’ brontolone e burbero…e non sanno davvero che mondo prezioso e bello si perdono!

Sei la persona che mi ha sempre spronata a credere in me stessa, che mi ha aiutata a raggiungere obiettivi, che mi ha asciugato le lacrime nei momenti di difficoltà e che mi ha regalato tantissimi momenti felici! Sei tu che mi hai portato allo stadio, tu che mi hai insegnato ad aprire una bottiglia di spumante, tu che mi hai accompagnata all’ altare.

Tu che, anche se mi prendi sempre in giro, so che mi apprezzi per come sono, fragilità e insicurezze comprese!

E allora Buon Compleanno a Te e GRAZIE di cuore per tenermi sempre la mano e per permettermi di fare così tanto parte della tua vita! 

“Se potessi darti una cosa nella vita, mi piacerebbe darti la capacità di vedere te stesso attraverso i miei occhi. 

Solo allora ti renderesti conto di quanto sei speciale per me ”.

(Frida Kahlo)

 

Rainy Days vs Pensieri Felici

Non so voi,ma io recentemente ho scoperto di essere diventata parecchio meteoropatica… e in questo, diciamocelo, Milano non aiuta poi un granché 🙈

Così poco fa, pensando al mio umore di oggi, grigio e uggioso come il cielo meneghino mi sono venute improvvisamente in mente le parole PENSIERI FELICI e mi ci sono concentrata!

Ci sono giornate dove essere positivi e solari, anche per chi del sorriso ne fa un marchio di fabbrica, è veramente difficile!

Giornate in cui la mente si permea di quei brutti pensieri che si impegnano proprio tanto ad intaccare l’umore. 

Specie quando di fondo hai situazioni non risolte che anche se cerchi di accantonare, tornano inesorabilmente a bussarti alla testa ed insistono fin quando tu devi arrenderti e aprir loro la porta…

Ma, proprio in queste giornate, bisogna stringere i denti ed appigliarci a loro: i Nostri Pensieri Felici che, succeda quel che succeda sono sempre lì a ricordarci che LA VITA È BELLA e che ci sono gesti, sorrisi, presenze che Ti scaldano anche in una giornata grigia così.

“Campanellino, perché non riesco a volare?”
“Peter Pan, per volare hai bisogno di ritrovare i tuoi pensieri felici”.
(James Barrie, Peter Pan)

Life in Technicolor

La sensibilità è una condanna ma ti consente di cogliere migliaia di colori in un viaggio in bianco e nero.
(Michelangelo Da Pisa)

Ho pensato, anzi, penso spesso a questa parte di me così ingombrante, la sensibilità!

Quante volte, a caldo, dopo una situazione in cui avevo sofferto proprio a causa di essa, mi sono ritrovata a desiderare di essere più cinica, più menefreghista, di non riporre tanta attenzione in quei dettagli che la maggior parte  della gente nemmeno vede… ma poi, sbollita la rabbia o la delusione del momento, sono sempre tornata sui miei passi.

Non cambierei per niente al mondo questo lato di me perché è quello che mi fa provare emozioni, che mi fa stupire,che mi fa vedere colori dove altri vedono solo grigio!

Credo che la sensibilità, per chi la ha avuta in dono, sia un bene raro e prezioso da preservare e coltivare e di cui avere cura anche se a volte Sentire Amplificato può far male.